Sul sentiero dell’operosità

Sul sentiero dell’operosità

Seppure fosse possibile scegliere il proprio Paese di appartenenza e l’epoca storica in cui vivere, non sarebbe possibile sfuggire a un diffuso sentimento di insoddisfazione.
C’è chi si rammarica di non essere altrove, chi vive l’inquietudine del viaggio alla ricerca della propria dimensione e chi non vede prospettive in luoghi forgiati nel tempo dal sacrificio dei popoli.
Negli ultimi due secoli, milioni di persone hanno lasciato l’Europa per sbarcare a Baltimora, attirati dalle lusinghe del capitalismo statunitense; i più avventurieri sono approdati in Australia; la Russia e il Sud America hanno attratto genti da ogni dove. Oggi, i new global cambiano Paese per frequentare le scuole più prestigiose, per poter accedere ai lavori più apprezzati e conquistare una migliore qualità di vita, mentre milioni di profughi sono costretti a fuggire da guerra e miseria.
Il mondo intero è irrequieto.
Parlare di crisi dell’Occidente è riduttivo. Il disagio è avvertito ovunque ed è irreversibile agli occhi dei più pessimisti.
Eppure i regimi democratici e repubblicani sono più diffusi che in passato e il livello di benessere e di istruzione sono sensibilmente migliorati.
Le risorse per ripartire non mancano, ma è vero che non c’è progresso senza felicità. E, di fatto, il mondo non è felice; è disorientato e spaventato e tende ad allontanarsi sempre di più dal miraggio della rivoluzione borghese e proletaria, a suo tempo divampate in nome dell’uguaglianza, dell’equità e della libertà.
Meritocrazia Italia si propone di sollecitare le coscienze in altra direzione, nella consapevolezza che il percorso richiede serietà e dedizione e che serve abbandonare ogni ambizione individuale. La missione non è semplice da svolgere, anche se, per raggiungere l’obiettivo, non servono certificate qualifiche professionali, ma soltanto capacità di ragionare e apertura verso impostazioni nuove. Bisogna acquistare la capacità di far sintesi tra pensieri diversi.
Questa è la sfida che Meritocrazia Italia lancia al mondo.
L’obiettivo è quello di proporre soluzioni reali ai singoli problemi, valorizzando le peculiarità del territorio e nel rispetto del principio di equità sociale.
La ricerca affannosa della felicità rende infelici. Seguire il sentiero dell’operosità con garbo, umiltà e rispetto delle istituzioni consente, invece, di realizzare il benessere proprio e della collettività.
Come insegnava Seneca, «nessun vento è favorevole per il marinaio che non sa dove vuole andare».



Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la nostra Privacy Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Leggi la nostra cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi