PROPOSTA PER PUNTI SULL’EMERGENZA COVID-19 – COMUNICATO 15.03.2020

PROPOSTA PER PUNTI SULL’EMERGENZA COVID-19 – COMUNICATO 15.03.2020

Tenuto conto del protrarsi della situazione emergenziale sanitaria e della conseguente necessità di valutare adeguate misure di carattere economico e non, idonee a fronteggiare l’impatto che tale situazione può implicare sulle necessità e sull’economia del Paese nei prossimi mesi, Meritocrazia Italia intende sottoporre all’Attenzione della Presidenza del Consiglio dei Ministri i seguenti temi di urgente approfondimento:

1. L’immediata sospensione delle facoltà di libera circolazione delle persone connesse al trattato Shengen, così come consentito dal trattato stesso per motivi gravi ed urgenti, in relazione al rischio di contagio insito nella diversa diffusione anche da un punto di vista temporale del Covid 19 e delle diverse misure adottate dai diversi Stati partecipanti alla Convenzione. Tale sospensione dovrà protrarsi sino a che non venga concertata una linea condivisa sul punto dai Paesi UE.

2. Una immediata rigorosa valutazione dei termini di sostenibilità del fabbisogno finanziario dello Stato, correlata a stime prudenziali delle tempistiche necessarie al superamento dell’attuale fase di contagio, tenuto conto anche delle misure già adottate e del budget da reperire ed investire in misure di contrasto e supporto.

3. La programmazione di una politica di approvvigionamento finanziario preventivo che redistribuisca il carico fiscale e/o l’imposizione contributiva, seppur in via transitoria, sui soggetti che hanno tratto vantaggio (diretto o indiretto) dalle attuate misure di limitazione in atto (vedasi grandi società di e-commerce, titolari di mezzi di comunicazione di massa, social media e similari), anche mediante la creazione di un Fondo straordinario di destinazione.

4. L’abbandono della previsione esclusiva di misure di sussidio per i singoli cittadini, favorendo, invece, l’aumento di servizi collettivi, da finanziare con priorità ed in maniera diffusa.

5. L’adozione di misure straordinarie volte all’approvvigionamento diretto dalle aziende italiane dei prodotti a carattere deperibile e di prima necessità che in ragione della quarantena rischiano il deperimento e l’inutilizzo.

6. L’invito a promuovere il potenziamento dell’impresa italiana in chiave, seppur transitoria ed ove possibile, di autosufficienza, anche con la riconversione -totale o parziale- delle produzioni maggiormente rispondenti al fabbisogno di prodotti necessari a soddisfare le esigenze dettate dall’emergenza, in una logica di periodo breve e medio, eliminando finanche i limiti imposti al tetto produttivo interno.

7. Disporre la distrazione di maggiori risorse in via continuativa e stabile in favore del potenziamento della ricerca e del SSN, prevedendo interventi di prelievo straordinario nei confronti delle maggiori società sportive e delle principali imprese del Paese, con fatturato superiore ai 10.000.000,00 di euro.

8. Rendere effettiva ed obbligatoria la dotazione per le ASL e per tutti i presidi ospedalieri nazionali, mediante compartecipazione statale/regionale, dei necessari DPI per tutto il personale medico, sanitario ed infermieristico, così da fronteggiare il possibile contagio da Covid – 19 per gli operatori esposti in prima linea.



Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la nostra Privacy Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Leggi la nostra cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi