Streaming Diretta

Un’Italia che ci crede, I° Congresso Nazionale, Ischia
A partire dalle ore 15:00

“Il valore di un’idea sta nel metterla in pratica” – Thomas Edison
Chi siamoAgenda
Rombo ombra
Prossimo Evento

No Eventi

No Eventi

pubblicato il 10.16.19

L'Italia che Merita

Giacomo Giordano Barone Responsabile Privacy Meritocrazia Italia ... Continua a leggereCompatta testo

pubblicato il 10.16.19

L'Italia che Merita

il Mito della Caverna
———————————
La Verità: agognata, invocata, acclamata e perennemente tradita e occultata da Sua Maestà l’Opinione, insuperabile nel tramutare credenze e illusioni in rappresentazioni della realtà.
Ma come possiamo relegare al ruolo di false credenze ciò che fin da bambini abbiamo visto come unica raffigurazione?
La storia del pensiero occidentale, vibra da secoli su questo emblematico interrogativo che nasce e si sviluppa attorno al mito platonico della Caverna.
Si narra, in questa cruda allegoria, che uomini incatenati fin dalla nascita nella profondità di una caverna fossero stretti nelle membra e bloccati testa e collo si da poter fissare solo il muro innanzi a loro. Mai usciti, né voltati indietro, né consci delle origini delle catene che li tenevano legati restavano impassibili a guardare una realtà fatta di ombre proiettate dall’esterno.
Ma un giorno uno di loro si voltò. E poi si liberò dalle catene. Rivoltosi all’uscita fu accecato dalla luce e vincendo poco a poco fatica, confusione e paura, vide ogni cosa dall’esterno.
E allora corse indietro a liberare i suoi compagni imprigionati ma questi, lo accolsero con burla e con disprezzo, convinti intimamente che lì, in quella caverna, fosse concluso il cerchio del sapere.
Perciò quell’uomo divenuto illuminato dovette caricarsi anche il dilemma se ascendere alla cima conquistata o sposare l’ardua impresa di tornare e sollevare il gruppo rimasto lì incapace di vedere.
E così, già nel IV secolo a.C. erano delineati i tre grandi nemici della Verità: la fuorviante educazione, la fatica del sapere, la rinuncia ad insegnare. Esattamente ciò che oggi continua a tenerci incatenati in finzione che rasenta la passività dei prigionieri platonici.
Diciamo di informarci e di comprendere, scambiando le notizie, capziose e populiste di cui ci inondano gli esperti comunicatori, per verità tascabili che paiono donarci la ragione, superba e presuntuosa nel dialogo, e neanche immaginiamo di quanta infelicità sia fonte la caverna immobile in cui impera l’Opinione.
Eppure la fiducia, quella vera nel futuro, la costruiamo noi riconsegnando l’animo all’intima intuizione dell’esistenza di quella Luce, girando il nostro sguardo e iniziando a camminare, cogliendo il grido autentico di chi rompe le catene, seguendo un solo ritmo, sofferto e solidale, poiché ogni altra regola è falsa informazione.
Di ANNAMARIA BELLO
... Continua a leggereCompatta testo

il Mito della Caverna
———————————
La Verità: agognata, invocata, acclamata e perennemente tradita e occultata da Sua Maestà l’Opinione, insuperabile nel tramutare credenze e illusioni in rappresentazioni della realtà.
Ma come possiamo relegare al ruolo di false credenze ciò che fin da bambini abbiamo visto come unica raffigurazione?  
La storia del pensiero occidentale, vibra da secoli su questo emblematico interrogativo che nasce e si sviluppa attorno al mito platonico della Caverna.
Si narra, in questa cruda allegoria, che uomini incatenati fin dalla nascita nella profondità di una caverna fossero stretti nelle membra e bloccati testa e collo si da poter fissare solo il muro innanzi a loro. Mai usciti, né voltati indietro, né consci delle origini delle catene che li tenevano legati restavano impassibili a guardare una realtà fatta di ombre proiettate dall’esterno.
Ma un giorno uno di loro si voltò. E poi si liberò dalle catene. Rivoltosi all’uscita fu accecato dalla luce e vincendo poco a poco fatica, confusione e paura, vide ogni cosa dall’esterno.
E allora corse indietro a liberare i suoi compagni imprigionati ma questi, lo accolsero con burla e con disprezzo, convinti intimamente che lì, in quella caverna, fosse concluso il cerchio del sapere.
Perciò quell’uomo divenuto illuminato dovette caricarsi anche il dilemma se ascendere alla cima conquistata o sposare l’ardua impresa di tornare e sollevare il gruppo rimasto lì incapace di vedere.
E così, già nel IV secolo a.C. erano delineati i tre grandi nemici della Verità: la fuorviante educazione, la fatica del sapere, la rinuncia ad insegnare. Esattamente ciò che oggi continua a tenerci incatenati in finzione che rasenta la passività dei prigionieri platonici.
Diciamo di informarci e di comprendere, scambiando le notizie, capziose e populiste di cui ci inondano gli esperti comunicatori, per verità tascabili che paiono donarci la ragione, superba e presuntuosa nel dialogo, e neanche immaginiamo di quanta infelicità sia fonte la caverna immobile in cui impera l’Opinione.
Eppure la fiducia, quella vera nel futuro, la costruiamo noi riconsegnando l’animo all’intima intuizione dell’esistenza di quella Luce, girando il nostro sguardo e iniziando a camminare, cogliendo il grido autentico di chi rompe le catene, seguendo un solo ritmo, sofferto e solidale, poiché ogni altra regola è falsa informazione.
Di ANNAMARIA BELLO

Commenta su Facebook

Una verità assoluta...la pigrizia e l’arrendevolezza si specchiano solo e sempre nella critica sterile

Sempre forza Meritocrazia Italia 🇮🇹

Noi desideriamo la luce per tutti

pubblicato il 10.16.19

L'Italia che Merita

Paolo Patrizio intervista Alfonso Quarto e Riccardo Resciniti, Presidente e Direttore Scientifico della scuola di formazione della politica di Meritocrazia I... ... Continua a leggereCompatta testo

Video image

Commenta su Facebook

Carica altri post

News
dai social media
Archivio
Facebook
Blog&Press
Articoli, approfondimenti, riflessioni.
Archivio
Blog&Press

Facebook ha ufficializzato l’arrivo, nella prima metà del 2020, di Libra, una criptovaluta, conquistando un privilegio che finora è stato appannaggio esclusivo degli Stati. Si tratta di una forma di pagamento transnazionale, uno strumento al di fuori dei tradizionali canali bancari e finanziari. Quali sono le ragioni che hanno portato il social network più importante del mondo a creare una...

Read More
Blog&Press

Da attore protagonista a mera comparsa, il cittadino si trova ad affrontare da solo e con le proprie capacità economiche le inefficienze politiche di sistemi regionali che utilizzano le risorse dei singoli a copertura dei deficit accumulati nel tempo da gestioni incaute. La fiscalità addizionale e la compartecipazione alla spesa sanitaria, una beffa a danno di chi ha diritto ad...

Read More
Blog&Press

La Consapevolezza del Conoscere Perché si devono considerare ancor oggi l’Arte e la Cultura importanti? Il binomio utilità-velocità assunto ad assioma della riuscita umana, sociale e professionale, sta fagocitando anche i valori che si prestano a parametri del Merito, mentre l’analfabetismo al giorno d’oggi si traduce nel mancare delle basi necessarie alla comprensione delle elementari regole del gioco civile. Arte...

Read More
Blog&Press

Analisi di possibili scenari integrabili Ricomposto il quadro normativo di riferimento, serve riflettere sulle reali utilità dell’attuale sistema Invalsi come misuratore delle abilità e delle conoscenze degli alunni e come strumento di rideterminazione continua dell’offerta formativa.

Read More
Blog&Press

L’autonomia differenziata auspicata dalle Regioni, alla luce delle forti diseguaglianze territoriali e in un contesto di risorse limitate, richiede che il Governo sia in grado di fornire degli strumenti uniformi di rilevazione del fabbisogno sanitario che permettano a tutti i cittadini di fruire dei medesimi servizi perché ‘si appartiene’ a uno Stato il cui dovere è quello di tenere in...

Read More
Blog&Press

L’attuale normativa del processo tributario, fondato essenzialmente sulla prova documentale, vieta espressamente il ricorso alla prova testimoniale. Tale  divieto, previsto dall’art. 7, comma 4, d.lg. n. 546 del 1992, incarna l’idea per la quale il carattere prevalentemente scritto del processo tributario non può tollerare l’assunzione di una prova a contenuto e forma esclusivamente orale come l’originaria prova testimoniale.

Read More
Blog&Press

Mondo scientifico e mondo giuridico continuano ad interrogarsi sull’esistenza della Sindrome da Alienazione Parentale: negli occhi dei figli ‘contesi’ mille risposte silenziose che culminano in una assordante richiesta di aiuto.

Read More
Blog&Press

È ancora un’utopia per l’Italia? La crisi di governo innescata ad agosto e conclusasi con la nascita del Conte bis ha riaperto il dibattito sulla necessità di governi stabili. Ma in Italia sussistono i presupposti per intraprendere questa strada?

Read More
SEGUI L’ITALIA CHE MERITA SUI SOCIAL

    WORK IN PROGRESS

    Archivio
    ANDAMENTO
    ECONOMICO

      WORK IN PROGRESS

      Archivio
      Stella ombra
      SOSTIENICI
      Per un’Italia più meritocratica abbiamo bisogno dell’impegno di tutti.
      Fund Raising
      UNISCITI A NOI
      Ricevi gli aggiornamenti dalla newsletter di Meritocrazia

      Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la nostra Privacy Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

      Leggi la nostra cookie policy

      Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

      Chiudi